Che cos’è?

Il Reddito di Inclusione è un contributo economico che prevede un’attivazione da parte del beneficiario sotto forma di partecipazione a tirocini formativi o professionalizzanti, assunzione di impegni per il raggiungimento di determinati obiettivi.

Dal 6 marzo 2019 il REI è stato sostituito dal Reddito di Cittadinanza/Pensione di cittadinanza che è un contributo economico di integrazione al reddito corrisposto ai nuclei familiari che siano in possesso di determinati requisiti. Il reddito di cittadinanza prevede l’assunzione di un impegno da parte del beneficiario che può consistere nella ricerca attiva del lavoro o nella sottoscrizione di un progetto personalizzato di inclusione sociale.

Chi può accedere?

Cittadini italiani e stranieri, che soddisfino determinati requisiti economici, di residenza e cittadinanza.

Cosa bisogna fare?

Dal 6 marzo 2019 la carta Rei è stata sostituita dalla Carta di Cittadinanza. I cittadini beneficiari del Rei possono decidere di continuare a percepire il ReI o chiedere il passaggio al Reddito di Cittadinanza.

La domanda per il reddito di cittadinanza può essere presentare direttamente on line, nel sito per il Reddito di cittadinanza, se si è in possesso delle credenziali SPID, presso gli sportelli di Poste Italiane o in uno degli uffici CAF presenti nel territorio.

Il beneficio ha una durata di 18 mesi e può essere rinnovato. Sulla base di una valutazione preliminare della condizione familiare i beneficiari sono chiamati ad intraprendere un percorso di attivazione lavorativa o di inclusione sociale.